Cosa c’è da vedere in Calabria? 7 località che dovreste conoscere

Dalle rocce con forme misteriose al mare cristallino della spiaggia di Arco Magno.
Dal rafting in un canyon a tranquille passeggiate in borghi fantasma. La Calabria non è solo mare. Meta perfetta per gli amanti della natura e della storia, ecco dove trascorrere le vostre vacanze.

Abbiamo selezionato per voi i luoghi imperdibili e più suggestivi della nostra regione.

Spiaggia di Arco Magno a San Nicola Arcella

Cosa c'è da vedere in Calabria? 7 località che dovreste conoscere

Credits: Valter Cirillo https://pixabay.com/it/users/valtercirillo-3274677/

Un arco di roccia sospeso sull’acqua, si apre sul mare turchese e maestoso, facendo intravedere l’orizzonte e catturando al suo interno la luce dei tramonti e delle albe. Un angolo regalato dalla natura. Il sentiero per raggiungerlo è un po’ impervio e tortuoso, ma all’arrivo la vista viene ampiamente ripagata e appagata.

Mountain Bike a Capo Vaticano

Mountain bike a Capo Vaticano

Aranceti, coltivazioni di cipolle, la macchia mediterranea, un faro e una bicicletta. È tutto quello che serve per avventurarsi in un giro in mountain bike veramente suggestivo nella zona di Tropea e Capo Vaticano. I percorsi sono di vario tipo, adatti a ogni livello di allenamento: il più breve è tranquillo e pianeggiante, il più lungo è solo per ciclisti esperti.

Per i giri in mountain bike potete affidarvi a Moonlight, associazione convenzionata con l’Hotel Tonicello a Capo Vaticano, resort a picco sul Mar Tirreno specializzato in attività sportive e itinerari guidati adatti a tutti.

Canyon del Raganello

Il fiume Raganello si trova all’interno del Parco Nazionale del Pollino, il parco più grande d’Italia e il secondo d’Europa. Il parco delle Gole del Raganello è costituito da imponenti crestoni di roccia alti 600-700 metri, che creano un canyon di 17 km. Il sito è di grande interesse naturalistico ed escursionistico per la presenza di rocce multicolori, levigate per secoli dalle acque che scorrono lungo questo corso. Qui è possibile praticare rafting. Le rocce, assieme a cascate e vasche d’acqua cristalline, creano uno scenario straordinario e rivelano tutta la potenza della natura.
Rocca del Drago e Caldaie del Latte

Percorrendo uno dei tanti itinerari del Parco Nazionale dell’Aspromonte – attraverso boschi profumati, gole profonde e torrenti – si giunge in un luogo in cui il silenzio e la quiete regnano sovrani, accarezzati da un’aura di mistero. In questo sito, che nel corso degli anni ha alimentato leggende e racconti, si trovano due formazioni geologiche di epoca preistorica, diventate monumenti naturali: la Rocca del Drago e le Caldaie del Latte. La prima, per la sua forma particolare, ricorda la testa di un drago con tre occhi; la seconda è composta da sette piccole rocce sferiche che affiorano da un unico blocco.

Pentedattilo

Pentedattilo

Credits foto: Maria Grazia Montagnari https://flic.kr/p/oDHbNw

Arroccato sulla rupe del Monte Calvario, Pentedattilo è un borgo fantasma caratterizzato da casette in pietra incastonate fra suggestivi speroni di roccia. Il nome di questo luogo deriva dal fatto che la roccia ricordi una mano ciclopica con cinque dita che sembra vogliano erigersi verso il cielo. Il borgo è legato a storie di fantasmi e di amori traditi. Il tempo qui si è fermato: si respira un’atmosfera arcadica, intrappolata fra i fichi d’India e le rovine che ardono sotto il sole.

Badolato folkloristica

Veduta di Badolato in Calabria

Credits foto: Luigina La Rizza http://www.pennainviaggio.com/badolato/

 

Badolato si erge su una collina che si affaccia sulla costa ionica, salutando il mare da 600 m di altezza. I suoi vicoli si snodano tra casette con l’intonaco lavato dal tempo e dalla brezza che soggiunge silenziosa. In questo borgo è possibile organizzare tour folkloristici ed essere accompagnati da musicisti che vi allieteranno suonando melodie tradizionali calabresi, portando una ventata di allegria e di antichità.

La Cattolica di Stilo

Cattolica di Stilo

Credits foto: kristobalite https://flic.kr/p/6Q81ka

Un piccolo gioiello bizantino nel Sud Italia. Nel X secolo, dei monaci bizantini si stabilirono a Stilo e costruirono uno dei monumenti più belli. Si tratta di una chiesa a pianta quadrata e a croce greca con tre absidi e cinque cupolette. Si erge maestosa fra rocce e piante di fichi d’India. A coronare il panorama c’è il delizioso borgo di Stilo.

Lascia un commento