Cosa fare a Montepulciano e dintorni, nel cuore della Val d’Orcia

Una delle zone più belle e ricche d’Italia, da scoprire con il cuore, la mente e tutti i cinque sensi: la Val d’Orcia con le sue colline, i filari di uve pregiate e i borghi antichi è il luogo perfetto in cui rifugiarsi, ritrovarsi e riscoprire il bello.

In questa parte di Toscana che ha saputo mantenere nei secoli gli ideali e la struttura del paesaggio rinascimentale non mancano le cose da fare, a partire da Montepulciano.

Panorama, vino e tradizione a Montepulciano

Cosa fare a Montepulciano e dintorni, nel cuore della Val d'Orcia

By Steven dosRemedios [CC BY 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by/2.0)], via Flickr

Immergersi nello spettacolo della natura della Val d’Orcia partendo dall’ Hotel Borgo Tre Rose a Montepulciano, a due passi anche dalla Val di Chiana, dove i vini pluripremiati della cantina vengono abbinati a piatti tipici della tradizione toscana, fino a risalire la collina su cui si erge questa città di origine etrusca, lungamente contesa tra le signorie di Firenze e Siena per la sua potenza e posizione strategica.

Gli scorci sulla valle sottostante, tra le strade e i palazzi nobiliari di Montepulciano, accompagnano il visitatore dalle porte di ingresso alla città, rispettivamente Porta al Prato e Porta delle Farine, fino a Piazza Grande.

Piazza Grande a Montepulciano

https://pixabay.com/it/montepulciano-piazza-grande-tuscany-165197/

Moltissimi furono i personaggi illustri e gli artisti che nacquero o transitarono per questa città arricchendone piazze e chiese, come la stessa piazza principale, posta nel punto più alto della collina. Qui si affacciano i palazzi Tarugi e Contucci, il Palazzo Comunale con la sua torre, entrambi visitabili, e il Duomo intitolato a Santa Maria Assunta e risalente al XV secolo (qui sono disponibili ulteriori informazioni: www.prolocomontepulciano.it/montepulciano/palazzo-comunale).

Imperdibile è anche il Tempio della Madonna di San Biagio, appena fuori le mura della città, un edificio a croce greca che è il perfetto esempio dell’arte e dell’architettura rinascimentale. La tradizione si rinnova, poi, ogni estate con eventi come il Bravio delle Botti, una gara tra le otto contrade della città in onore del santo patrono, e il Bruscello, una rappresentazione teatrale popolare.

Bravio delle Botti Montepulciano evento annuale

By ellepizero [CC BY 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by/2.0)], via Flickr

Scoprire i sapori e il benessere della Val d’Orcia

Vigneti in Val d'Orcia

By drdcuddy [CC BY-SA 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0)], via Flickr

Il buon cibo e il vino di qualità sono decisamente il fil rouge che unisce le diverse località della Val d’Orcia. Tra i più famosi, oltre al DOCG Nobile di Montepulciano, anche il Brunello DOCG della vicina Montalcino e il vino DOC Orcia ottenuto con uve Sangiovese prodotte tra dodici comuni della stessa Val d’Orcia.

Vini DOCG Toscana

By Megan Cole [CC BY 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by/2.0)], via Flickr

Pecorino di Pienza prodotto tipico

By Dan [CC BY-SA 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0)], via Flickr

Bagno Vignoni terme naturali

By Morris Losurdo [CC BY 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by/2.0)], via Flickr

Anche le altre produzioni di questa regione sono eccellenti, dai cereali, che sono ancora quelli coltivati in epoca medievale, al pecorino di Pienza e all’olio extra-vergine d’oliva di Castiglione d’Orcia, famoso per il suo sapore amaro, ma anche salumi e formaggi da assaggiare insieme al miele di San Quirico d’Orcia. Insomma, girando tra questi borghi ricchi di storia, non si può di certo perdere l’occasione di degustare anche i tanti prodotti tipici e di grande qualità.

E, per finire, un salto alle terme. Oltre quelle di Montepulciano che si trovano nella vicina frazione di Sant’Albino, famose per i trattamenti con acque e fanghi ricchi di sostanze e proprietà curative, ci sono quelle di Bagno Vignoni, uno splendido borgo di epoca romana costruito attorno ad una vasca centrale in cui sgorga acqua ricca di solfato di magnesio e di calcio. Scendendo verso sud, anche a Bagni San Filippo si trovano sorgenti di acque sulfuree dalle proprietà curative, mentre al confine con la Val di Chiana c’è la famosa Chianciano Terme, le cui acque minerali erano già apprezzate da etruschi e romani per le loro proprietà benefiche.

Credits foto di anteprima: https://pixabay.com/it/italia-tuscany-vacanze-viaggi-2273767/.

Lascia un commento