Tentazioni gastronomiche a Parma, la Capitale del Buon Gusto

Malvasia-Parma

Le eccellenze italiane nel campo enogastronomico sono così numerose e differenti da regione a regione da richiedere un’accurata conoscenza prima di partire in viaggio.
Grazie all’evento Taste of Future abbiamo lo spunto per suggerire una visita a Parma, candidata a diventare Capitale del Buon Gusto in virtù di una serie di prodotti unici e della cura per la promozione del territorio, ricco di proposte turistiche.

Durante il weekend di Taste of Future, dal 27 al 29 giugno, ci saranno degustazioni guidate, masterclass e incontri dedicati alle prelibatezze parmensi, un antipasto di ciò che sarà presentato all’EXPO 2015 a Milano.

Scopriamo cosa vedere a Parma e perché visitarla in questo periodo dell’anno, lasciatevi tentare dall’antico ducato, oggi regno dell’esclusività e dell’eccellenza.

I gioielli del centro storico di Parma

Battistero-interno-chiesa-della-steccata

Questa città ha una gloriosa tradizione letteraria e artistica, inoltre vanta un animo raffinato, poiché da sempre i parmigiani hanno dimostrato una passione intensa per l’Opera lirica e per l’arte in tutte le sue forme. È stata più volte menzionata e ammirata da autori stranieri, come Stendhal, che ambientò qui il suo capolavoro La Certosa di Parma, e Proust, che la citò in Dalla Parte di Swann.

Poiché i luoghi di interesse sono molti preferiamo dare una panoramica per invitarvi a scoprire Parma durante il vostro prossimo soggiorno in Emilia Romagna: a ridosso della cinta muraria romana sorge il Duomo, caratterizzato da esterni in stile romanico e interni in stile rinascimentale, è un capolavoro architettonico e simbolo della storia medievale della città, accanto al Battistero e al Palazzo Episcopale.
Il Duomo è anche uno scrigno di tesori artistici come gli affreschi del Correggio, tra cui citiamo l’Assunzione della Vergine che decora la cupola interna.

A breve distanza dal Duomo si erge la Chiesa di Santa Maria della Steccata, risalente al XVI secolo, un edificio che si pensa essere stato progettato dal Bramante o forse Leonardo Da Vinci.
Consigliamo una visita perché ospita alcune opere del Parmigianino e da qui si accede al Museo Costantiniano, visitabile seguendo diversi itinerari tematici: sono presenti dipinti dal XVI al XIX secolo, paramenti sacri e argenti, cimeli storici di vario genere fra cui la camicia di Luigi XVI indossata al patibolo, in altri termini qui potrete fare un viaggio nelle epoche storiche da una stanza all’altra del museo.

Palazzo-Pilotta-Parma

Il Palazzo della Pilotta è il cuore della vita culturale di Parma, poiché all’interno sono presenti il Museo archeologico nazionale, il monumento a Giuseppe Verdi, l’Istituto d’Arte Paolo Toschi, la Biblioteca Palatina, il Museo Bodoniano, il Teatro Farnese e la Galleria Nazionale di Parma.
La Pilotta deve il suo nome dal gioco della pelota, praticato dai soldati spagnoli in uno dei cortili del Palazzo, ed è uno dei simboli di Parma; emozionatevi passeggiando qui la sera, i giardini della Pilotta vi incanteranno attraverso la grazia e la raffinatezza che da sempre regnano sulla città.

Il Palazzo del Giardino, all’interno del Parco Ducale, si riconosce per il tipico colore “giallo Parma” e oggi è la sede di rappresentanza dell’Authority Alimentare Europea; è aperto al pubblico dal lunedì al sabato, dalle 9:00 alle 12:00 (da giugno è previsto un ampliamento dell’orario, visitate il sito www.cultura.comune.parma.it per informazioni).

Gli affreschi custoditi al primo piano sono risalenti al XVI e XVII secolo, opera di artisti prestigiosi come Cesare Baglioni, Benigno Bossi, Jacopo Bertoia, autore di scene tratte dall’Orlando Furioso, Tiarini, Agostino Carracci e Gian Battista Trotti.

Il sapore del futuro a Parma

Parmigiano-Reggiano-magazzino

Taste of Future nasce per mettere in risalto i capolavori gastronomici di Parma, tra cui il Parmigiano Reggiano, il Prosciutto di Parma e altre delizie che simboleggiano il trionfo dell’artigianalità e della creatività: Salame Felino, Coppa, Fungo di Borgataro e i vini dei Colli di Parma, in particolare il Malvasia, che sfiderà in un match di degustazioni altri vini pregiati italiani e francesi.
Da venerdì 27 giugno a domenica 29 avrete la possibilità di scoprire perché le eccellenze parmigiane sono note in tutto il mondo partecipando a masterclass tenute da esperti che illustreranno le peculiarità dei prodotti e consiglieranno gli abbinamenti ideali tra vino e cibo. Questo è il sito ufficiale della manifestazione: www.parmatasteoffuture.com

Se vi ritenete dei gourmet non potete mancare una tappa a Parma, il luogo perfetto per celebrare la genuinità Made In Italy.

Lascia un commento