Tre esperienze turistiche da vivere in estate

Decidere la destinazione di un viaggio è il risultato di molti fattori: soprattutto per chi vuole cambiare spesso e desidera fare nuove esperienze in vacanza, in altre parole fare escursioni in luoghi sconosciuti, prenotare visite guidate per viaggiatori curiosi e partecipare a eventi di rilievo irripetibili.

Abbiamo selezionato tre luoghi molto diversi, tutti legati all’attualità, per vacanze da fare in estate e soprattutto per promuovere mete che esprimono l’unicità del Belpaese.

 Scopri il vulcano Patrimonio dell’Umanità

La lista dei luoghi tutelati dall’UNESCO è stata recentemente aggiornata con 10 meraviglie dell’umanità, tra cui una peculiarità italiana, il vulcano Etna, inserito nell’elenco poiché simbolo del Mediterraneo e tra i più attivi vulcani al mondo, del quale esistono documentazioni da circa 2700 anni. Un record, insomma, che merita un viaggio in Sicilia e un’escursione per poterne carpire i segreti e provare l’emozione di vedere da vicino il vulcano più grande d’Europa.

Vulcano Etna escursione guidata

Lo scenario che incontrerete sull’Etna è unico per via delle frequenti eruzioni e dell’alternanza fra zone boschive dove si trovano pini, faggi e alberi da frutto, e zone desertiche popolate solo da cespugli di ginepro. Le escursioni organizzate, come per esempio quelle organizzate da Etna Walking, partono dal Rifugio Sapienza a 1900 metri d’altezza (il vulcano è alto 3323 metri), dove si sale su una telecabina che raggiunge il secondo tratto, a quota 2500, poi gli autisti esperti vi guideranno in fuoristrada fino ai crateri, dove resterete senza parole a causa dello spettacolo emozionante e terribile di un vulcano ancora attivo.

Sono disponibili vari tipi di escursioni, per soddisfare le esigenze dei turisti: c’è chi predilige l’escursione panoramica che raggiunge vari punti di osservazione, chi preferisce la visita alle grotte di Serracozzo, formatesi dopo l’eruzione del 1971, oppure l’escursione al cratere di Monte Nero, vicino al Bosco di Timpa Rossa, dove è situato un rifugio.

Prenotare un tour guidato è il modo più sicuro per vedere da vicino il vulcano, non correre rischi e avere tutte le informazioni su questa meraviglia della natura. A chi ama l’avventura consigliamo l’escursione alla Grotta del Gelo, il ghiacciaio perenne più a sud d’Europa, un percorso impegnativo ma altrettanto appagante per la bellezza del panorama e l’eccezionalità della location. La Sicilia non è solo ricca di spiagge attrezzate e hotel in riva al mare, scegliete di esplorare il cuore dell’isola salendo in cima all’Etna, ricorderete l’esperienza per tutta la vita. www.escursioneetna.it

Il Museo interattivo di Trento

La scienza può essere affascinante e alla moda, lo dimostra un progetto come il MuSe, Museo delle Scienze a Trento. Il Museo aprirà il 27 luglio è illustrerà i risultati della conoscenza scientifica attraverso giochi interattivi ed esperimenti, dunque non sarà un luogo dove recarsi da semplici spettatori, bensì un concetto innovativo di museo dove si apprendono le nozioni partecipando in prima persona.

MuSe Trento museo della scienza inaugurazione

Lo indichiamo come esperienza da vivere in vacanza perché la struttura è stata progettata e realizzata da Renzo Piano ed è un’opera all’avanguardia per l’architettura italiana. Gli esterni sono ispirati alla forma delle montagne di Trento e una serie di pannelli fotovoltaici sono stati installati per fornire energia all’intero quartiere, che include il Palazzo delle Albere, sede del distaccamento del MART, prestigioso museo di arte contemporanea di Rovereto. La visita al MuSe diventa un’autentica avventura che coinvolge i cinque sensi: gli interni spaziano da ambienti che riproducono il clima alpino fino ai ghiacciai e alla serra tropicale montana, ovvero un’incredibile foresta pluviale con piante e animali, una green-house concepita per dimostrare l’importanza della biodiversità.

Un tour scientifico può essere divertente ed emozionante e il MuSe è destinato a diventare uno dei poli attrattivi del Trentino. www.muse.it

I vini del centenario dell’Arena di Verona

Spesso abbiamo parlato di Verona: questa romantica meta festeggia quest’anno un importante centenario, infatti nel 1913 fu rappresentata per la prima volta un’opera lirica all’Arena, l’Aida. Per celebrare la ricorrenza sono stati prodotti dei vini speciali, un’ottima idea regalo e motivo di un viaggio a Verona con degustazione: si tratta di un’operazione voluta dalla Casa Vinicola Sartori e dai quattro consorzi Bardolino, Custoza, Soave e Valpolicella, che hanno prodotto due vini d’eccellenza, una sintesi delle peculiarità del territorio veneto.

Opera lirica centenario Arena di Verona

Il vino bianco Garganega Verona IGT e il rosso Corvina Verona IGT, da affiancare all’Amarone Classico della Valpolicella 2009 sono vini da collezione, tesori pregiati da conservare per ricordare il vostro soggiorno a Verona. Riconoscerete le bottiglie dalle etichette, che richiamano le locandine degli spettacoli dell’Arena, un’idea originale per raccontare l’unicità di questa location in tutto il mondo.
Verona, inoltre, ospita il primo museo dedicato all’opera lirica, AMO, situato presso Palazzo Forti e aperto tutti i giorni dalle 9:00 alle 19:30, un luogo che valorizza la storia dell’Opera in Italia attraverso le partiture originali, i costumi, i bozzetti, le scenografie e i materiali multimediali che consentono un’immersione nel mondo elegante e raffinato della lirica. Sperimentate questo itinerario in Italia e scoprite la vastità e la bellezza di un patrimonio che non ha eguali, da Nord a Sud il lusso assume forme diverse ma ha la stessa intensità.

Lascia un commento